De Paola: "La colpa è di chi fa conventicole come ADL! Lotito tratta giocatori come aspirapolvere"

Paolo De Paola ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Un Calcio alla Radio, trasmissione di approfondimento sui temi caldi in casa partenopea - e non solo  in onda sulle frequenze di Radio CRC. Queste le sue considerazioni: "Claudio Lotito ha fatto la politica di palazzo, gestendo anche i presidenti federali. La responsabilità dei mali del nostro calcio è di questo personaggio che vede il calcio a modo suo e fa i conti come se fosse un'impresa di pulizie, trattando i giocatori come aspirapolvere e gestendo le società come un condominio. Non voglio presidenti stupidi ma ricchi, bensì persone che abbiano un'idea di ciò che sta accadendo. Se il calcio italiano è in queste condizioni, lo si deve a Lotito e a chi lo ha seguito".

De Paola ha poi aggiunto: "Il campionato è diventato inutile, se non per la lotta Champions. La Juventus alterna partite che sono figuracce ad esperimenti, ma il calcio italiano è stato ridotto a queste condizioni da presidenti come Lotito, Enrico Preziosi e Aurelio De Laurentiis che non fanno altro che lottare, litigare, fare clan, conventicole, ricchi e poveri. La colpa è di questi che adesso si ritrovano sotto il titolo 'rifondiamo il calcio'. Ma io non lo rifonderei mai, il calcio, con presidenti di questo tipo".