Notizie
Facebook Twitter WhatsApp

Il manuale del tempismo al contrario, firmato Hirving Lozano

Foto

Ultime notizie Napoli - Il manuale del giusto tempismo, firmato Hirving Lozano. Aperto al contrario, però. Nel modo errato, in modo tale da rendere la prestazione negativa e dimenticabile - dando il fianco alle critiche dei tifosi sempre in attesa di qualcosa in più. Napoli-Fiorentina 2-5, tutto sommato, è andata molto male per l’attaccante messicano.

Lozano, ritorno da dimenticare dal Messico

Tornato in extremis dal Messico, negativizzato dopo il contagio Covid, condizione fisica precaria e gettato in campo da Spalletti per la morìa di alternative in panchine: 20 minuti in campo, il tempo di non toccare un pallone a destra, inventarsi un palo con un’azione estemporanea a sinistra, poi il giusto timing nell’intervento su Nico Gonzalez. Giallo, VAR, espulsione e testa china. Volendo provocare: non era meglio rimanere in Messico?

Via Insigne, vetrina più ampia...?

A maggior ragione dopo le dichiarazioni del suocero Rodrigo Obregon - membro anche del suo entourage - a Radio Marte, stuzzicato nei giorni scorsi sugli spazi che si apriranno la prossima stagione con l’addio di Lorenzo Insigne, direzione Toronto: “Con tutto il rispetto per Insigne, è chiaro che la sua partenza offre una vetrina più ampia. In questo modo potrebbe giocare sulla fascia sinistra, posizione che aiuterebbe il giocatore a raggiungere una maturazione ed esplosione definitiva”.

Basta che le prestazioni non siano facilmente dimenticabili come quella di ieri sera - con le attenuanti del poco ritmo e della condizione fisica da riprendere -, altrimenti l’ambizione al trasferimento in un club più grande come si concretizza? Eppure il suocero ha provato a gettare acqua sul fuoco: “L’intervista in Messico? Risposta decontestualizzata, non voleva mancare di rispetto al Napoli. È perfettamente a conoscenza della dimensione e dell'importanza del club". E della sua, di dimensione ed importanza?