Notizie
Facebook Twitter WhatsApp

Julio Sergio: "Il Napoli gioca un calcio che ho già vissuto! Con Spalletti di solito calavamo dopo la sosta..."

Foto

Julio Sergio, ex portiere che in Italia ha vestito le maglie di Roma e Lecce, è intervenuto all'interno del TMW News, per parlare di molti argomenti, cominciando dal Mondiale e dalle chance di vincerlo del Brasile: "Può essere l'anno buono. Abbiamo il principale giocatore che è Neymar in un momento buonissimo e tanti altri che possono fare la differenza davanti. Penso che questo sia il Brasile più forte degli ultimi anni".

Spostandosi invece sulla Serie A, che idea si è fatto di questo inizio di stagione?
"Il Napoli gioca un calcio che un po' ho vissuto. Gli allenamenti di Spalletti, il ripetere le cose... Lui riesce a far esprimere sempre il meglio ai suoi giocatori e diventa semplice giocare quando si sa cosa fare. Forse ci si aspettava un po' di più dalla Juventus, ma ha avuto tanti infortuni. Non penso che sarà così fino alla fine, dopo il Mondiale ci sarà una ripresa più dura e più difficile per tutti. Sarà un campionato interessante nelle ultime giornate".

La sosta può essere dannosa per il Napoli?
"Dipende quello che succede nel Mondiale. È la prima volta che si gioca una Coppa del Mondo a dicembre, in un Paese diverso, caldo... Sono tutti esperti, ma la parte fisica conta tantissimo, il lavoro di recupero, il lavoro mentale per ripartire dopo la pausa, dopo Capodanno. Se il Napoli continuerà a questi livelli riuscirà a fare bene fino alla fine, però noi con Spalletti di solito soffrivamo i primi due mesi dopo la sosta di Natale. Vediamo come reagirà la sua squadra".

La Roma invece ha avuto qualche difficoltà di troppo. Se lo aspettava?
"Non me le aspettavo, ma ci vuole tempo nel calcio. Nessuno si aspettava un trofeo al primo anno di Mourinho, poi sono arrivati tanti giocatori... Non è semplice. Roma è una piazza difficile, ci vorrà ancora un anno per sistemare le cose in vista della prossima stagione, quando potremo vedere la Roma che vogliamo tutti, ovvero quella che lotta per lo scudetto".