Notizie
Facebook Twitter WhatsApp

Quando De Laurentiis disse: "Ronaldo ha una certa età, è pericoloso spendere così tanto per un solo giocatore a fine carriera"

Foto

Calciomercato NapoliDa The Athletic è stata lanciata la notizia di un clamoroso sondaggio del club azzurro per Cristiano Ronaldo: probabilmente, come già accaduto altre volte, parlando di altro con Jorge Mendes, sarà stato fatto anche il nome di CR7. Visto che il super agente del portoghese sta sondando il terreno in giro per l'Europa (fra le squadre che disputano la Champions League). E la SSC Napoli è una di queste, per cui è possibile si sia fatto il suo nome in una delle chiacchierate con Mendes. Ma è davvero ai limiti dell'impossibile immaginare una trattativa. Che poi la verità la disse lo stesso De Laurentiis.

De Laurentiis su Ronaldo

De Laurentiis su Ronaldo al Napoli

Nel lontano ormai 2018, Aurelio De Laurentiis parlava così di Cristiano Ronaldo in un'intervista a La Verità:

"Tra dire chapeau e vincere campionato e Champions ce ne passa. Cr7 ha una certa età. E in termini di equilibrio per un club è pericoloso spendere così tanti soldi per comprare il cartellino di un solo giocatore a fine carriera. Pagando un ingaggio fuori da ogni standard del suo attuale monte ingaggi. Mi chiedo se prevarranno i successi commerciali o quelli sportivi. Se tu inizi a pagare degli stipendi assurdi, la cosa ti si ritorce contro".

Ma come andò nel 2018? Probabilmente come è andata adesso, ovvero in un pour parler con Mendes è uscito fuori il nome di Cristiano Ronaldo:

"Cristiano lavora con uno dei procuratori più intelligenti, forse con il più intelligente. Io e Mendes ci siamo incontrati, parlavamo di Rui Patricio e lui mi ha proposto questa opportunità".

E sull'affare CR7-Juve, aggiunse:

"Costo eccessivo? Detta così è una fesseria. Io immaginavo un modello in cui i costi venivano pareggiati esclusivamente con gli incassi specchiati ai relativi costi dell’ operazione. Avevo detto a Mendes: tu dici che Ronaldo mi farà ricco? Allora facciamo che i primi 250 milioni di fatturato spettano al Napoli, i successivi 100 spettano a Ronaldo. Se effettivamente li avesse valsi non avrebbe avuto nulla da rischiare o da temere. Così Ronaldo si sarebbe ripagato da solo. Poi però è arrivata la Juve, e – avendo alle spalle Fca – ha alzato la posta".